Cavarzere, amministrazione comunale che fa danni

La sezione locale di Fratelli d’Italia, ed in particolare il Vice Responsabile della consulta delle imprese del Veneto di Fratelli D’Italia, entra nel merito dell’inetta amministrazione attuale di Cavarzere. Assistiamo oramai quotidianamente – chiosa ……. – all’incapacità dell’amministrazione comunale nel risolvere i problemi che oramai in taluni settori sono diventati drammi. Partendo dai lavori pubblici ove si da priorità all’asfaltatura di strade bianche e di campagna anziché a strade del centro cittadino piuttosto che di collegamento come la strada arginale in sinistra Adige. La domanda che ci poniamo e se dobbiamo attendere l’infortunio da risarcire ovviamente con le casse dell’ente piuttosto che la tragedia rimpiangendo il morto e ad addossando la responsabilità al fato. Sempre in ambito di lavori pubblici fa da ridere a tutti, eccetto ai cittadini esasperati dai continui allagamenti primi tra tutti i residenti a Boscochiaro, i proclamati interventi di pulizia delle caditoie,”mai iniziate” con cui l’amministrazione comunale intende risolvere le centinaia di metri cubi d’acqua che occorre smaltire in occasione delle oramai abitudinarie bombe d’acqua che interessano i nostri territori. Non parliamo poi dell’asilo nido comunale per il quale attendiamo la tragedia o il ferito a causa delle condizioni di degrado e fatiscenza. Va meglio un po’ meglio – continua ironicamente …. – sulla gestione del verde pubblico ove il problema, delle foreste e giungle rigogliose che hanno caratterizzato la bella stagione,  sarà contenuto dall’arrivo della cattiva stagione che manderà tutti in riposo vegetativo (con eccezione degli amministratori comunali che proseguiranno tale condizione di quiete). Passando poi ai servizi sociali partendo dal fatto che per spostare degli uffici da un piano all’altro del comune sembra di capire che ci voglia un’era geologica immaginiamo quale possa essere l’assistenza che  l’amministrazione comunale può dare ai cittadini più bisognosi ed in difficoltà. Altro tema caldo è l’edilizia popolare a favore dei cittadini o delle giovani copie che viene gestito a colpi di slogan ed imminenti avvii di lavori ma i nostri concittadini intanto vanno a vivere altrove. La sicurezza del territorio eterna sconosciuta alla giunta, con ormai un inesistente corpo della polizia locale nemmeno in grado di gestire le attività amministrative ordinarie con l’immediata conseguenza che il presidio e la sicurezza del territorio è demandata a ciascun cittadino. Tralasciando i controlli dei plateatici che ognuno fa quello che vuole. Però dobbiamo dare atto a questa giunta delle straordinarie ed insuperabili capacità di stare seduti sulla “carega”; anche con il secondo partito di maggioranza, Sinistra Ecologia e Libertà, che  tutti i giorni attacca lo stesso Tommasi, anche se i loro rappresentanti  in Comune non sono più di questo partito a volere del circolo locale, e a livello Nazionale.  Del resto lo stipendio o il gettone di presenza in tempi di carestia fa comodo a tutti. Purtroppo comincia a diventare nauseante questa amministrazione i cui danni sono oramai all’ordine del giorno e che purtroppo difficilmente potranno essere sistemati, si pensi ad esempio ad un’eventuale fusione con un Comune. Stiamo valutando la possibilità di organizzare una manifestazione in piazza per fare ascoltare la voce dei cittadini.